BEYOND THE BLACK RAINBOW (2010)

(In)solito film à la Rorschach, ovvero ognuno ci vede quel che gli pare. Il ritmo ipnotico, la fotografia lisergica e le musiche d’antan contribuiscono a creare un’atmosfera malsana e opprimente, che ammalia lo spettatore per poi sfociare in un finale un po’ raffazzonato e incoerente.

RSVP: “Strade perdute”, “Videodrome”.

Voto: 7.

Related