Black comedy un po’ sgangherata, che rimescola sempre le carte sfruttando i suoi protagonisti bipolari. Se fosse stata girata da un inglese, sarebbe diventata un capolavoro e, invece, si salva solo grazie al finale.

RSVP: “The Happiness of the Katakuris”, “Some guy who kills people”.

Voto: 6.

Related