Adattamento filologicamente ineccepibile, sorretto da individualità d’eccellenza e da una regia (e una fotografia) esteticamente spettacolare. Perfetta anche la colonna sonora, che si adegua con eleganza al ritmo mutevole dell’opera. Proprio il ritmo, però, rappresenta l’unico elemento che ad alcuni potrebbe far storcere il naso: qui siamo più dalle parti del teatro che del cinema, nel bene e nel male.

RSVP: “Macbeth“, “Hamlet“.

Voto: 7/8. Macbeth

Related