Sembra quasi un film metateatrale di Allen, ma è ambientato in Inghilterra ed è tratto da una storia vera, riguardante il mitico Welles. Dialoghi brillanti -come solito- e impeccabile costruzione dei personaggi, ma ad impressionare è soprattutto la precisione della ricostruzione storica e del ritratto del grandioso (ed egocentrico) Orson, con vezzi e idiosincrasie annessi.

 

RSVP: “Anything Else“, “Birdman“.
Voto: 7+. Me and Orson Wells
Test di Bechdel: negativo.

Related