STILL ALICE (2014)

Film di maniera, che si inserisce nell’ormai trito filone del cinema di sofferenza e spicca soltanto per il garbo con cui viene trattato un tema delicato e predisposto a facili banalizzazioni come il morbo di Alzheimer e per l’interpretazione della bravissima Moore, in odore di Oscar.

RSVP: “Una sconfinata giovinezza“, “Away from her“.

Voto: 6/7. Still Alice

[Versione estesa della recensione su ConcretamenteSassuolo]

 

Related