EDUCARE ALL’IMMAGINE AL LICEO

Il Liceo Scientifico e Classico premiato dal MIUR
Al via 3 corsi di educazione all’immagine insieme a Ennesimo Film Festival

 

Il Liceo Scientifico e Classico A.F. Formiggini di Sassuolo è stato premiato dal Ministero dell’Istruzione per il progetto Il Significato nascosto delle immagini che prenderà il via fra pochi giorni.
Il progetto è stato premiato all’interno del Piano Nazionale Cinema per la Scuola nella sezione CinemaScuola LAB e sarà realizzato in parternship con Ennesimo Film Festival.
Tre sono i moduli didattici che vedranno impegnate le classi terze e quarte del Linguistico, del Classico e di Scienze Umane, coordinati dalle docenti Diana Paltrinieri e Cristina Vandelli, attraverso i quali entreranno in contatto con il mondo del cinema, direttamente sui banchi di scuola.
I corsi, introduttivi all’educazione all’immagine, tratteranno da vicino il tema della scrittura di una recensione, di tutto ciò che avviene su un set cinematografico prima dell’accensione della telecamera e in particolar modo porteranno alla produzione da parte degli studenti di brevi video che saranno utilizzati per la promozione del Liceo stesso durante le giornate dell’orientamento aperte agli studenti delle scuole secondarie di primo grado e alle loro famiglie. L’ultimo corso, che prenderà invece il via nel secondo quadrimestre, sarà rivolto agli studenti del Linguistico e insegnerà loro come si traduce un film e come si realizzano i sottotitoli. Dopo un’analisi teorica e lo studio di alcuni programmi che vengono utilizzati a livello professionale per questo scopo, gli studenti si cimenteranno direttamente nella traduzione dall’inglese all’italiano dei sottotitoli di alcuni cortometraggi.
Federico Ferrari e Mirco Marmiroli
«Siamo molto contenti di aver contribuito insieme al Liceo alla vittoria di questo premio – spiegano Federico Ferrari e Mirco Marmiroli organizzatori di Ennesimo Film Festival – che è il secondo che nel giro di un anno arriva al Festival dopo il riconoscimento dell’Ennesimo Academy  come “buona pratica nell’ambito della didattica e dell’applicazione del linguaggio cinematografico a scuola” sempre da parte del MIUR. Crediamo che oggi sia fondamentale per gli studenti di ogni ordine e grado poter avere una cassetta degli attrezzi per decodificare i filmati a cui sono sottoposti quotidianamente per analizzarli in modo critico e collettivo attraverso un percorso pluriennale. Vogliamo per questo ringraziare la dirigente scolastica, le insegnanti e in anticipo anche gli studenti che partiranno insieme a noi alla scoperta del mondo del cinema da un punto di vista tecnico e professionalizzante».